warning: Creating default object from empty value in /home/mhd-01/www.alasinistra.org/htdocs/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc on line 33.

Economia

Le promesse mancate di Marchionne

Era il 28 gennaio del 2008 quando Sergio Marchionne venne accolto, in pompa magna e con tutti gli onori, dalle autorità locali a Biella per firmare lo storico accordo che doveva prevedere la costruzione del nuovo cambio C635, per un investimento complessivo di 500 milioni di euro e per un aumento di 600 operai (più altri 500), presso lo stabilimento Fiat Powertrain di Verrone.

questo non è un paese per giovani

Forse aveva ragione l'Onorevole Gianluca Susta che, infuriato venne a rimbrottarmi pesantemente qualche mese fa quando rimbalzai su alasinistra la notizia ripresa da “L’infedele” su uno stage non retribuito, analogo a quello che vedete nel post, presso il suo ufficio parlamentare a Bruxelles.

dall'album dei ricordi

E' emergenza

E’ emergenza perché lo dicono in coro “Corriere” Repubblica” “La Stampa” “il Sole 24 ore” “il Messaggero” “il Mattino” “Il Gazzettino” e “La Nazione”

E’ emergenza perché “L’Europa ce lo impone”

E’ emergenza perché “c’è la politica, c’è il politicismo ma prima c’è l’Italia”

E’ emergenza perché il partito non è pronto alle elezioni

nel caso, ci pensa Luca

Ieri le azioni sanzionatorie con lanci di uova e vernici sulle vetrine di Banche e agenzie ha avuto la convinta “comprensione” di Luca Cordero di Montezemolo, imprenditore, presidente della Ferrari e fondatore di Italia Futura che ha dichiarato: «le manifestazioni degli “indignati” sono per molti aspetti comprensibili».

Salutiamo i compagni cinesi

Ricapitoliamo: Giulio Tremonti era l’uomo che garantiva più saldamente l’asse tra la Lega e Berlusconi. La Lega (e Tremonti) tuonavano contro la globalizzazione e l’invasione delle merci cinesi proponendo addirittura i dazi doganali.

E Tremonti non paga mai

Questa è la prima de “Il Tempo” di oggi, un giornale non propriamente progressista. Le parole però sono quelle di Giulio Tremonti, quello che ai ricchi ha concesso condoni, sgravi fiscali, scudi per i soldi emigrati all’estero e tante altre belle cosine... Quello che ha negato la crisi fino a ieri, quello che è stato (ed è ancora) l’architrave del populismo liberista della destra italiana.

i tagli senza "grazia"

Questa volta avrei voluto seriamente sbagliarmi. E avrei voluto sbagliarmi per eccesso, invece, purtroppo come ci informano i documenti nazionali dell’Anci, i tagli previsti dalla manovra finanziaria di agosto saranno ben peggior delle mie più pessimistiche previsioni.

per la critica dell'economia politica

Questo è un bel video a fumetti esplicativo sulla crisi economica del noto sociologo David Harvey. Di seguito invece potete leggere un interessante articolo uscito ieri su "la Repubblica" che sembra la recensione dell'ultimo libro di Eric Hobsbawm (che vi consiglio caldamente) ma in fondo è molto di più...

da la Repubblica del 18/08/2011

al macello di Tremonti e Berlusconi (e di Mello?)

Questo è l'articolo comparso oggi su "La Stampa" e uno analogo lo potete leggere su "Eco". La proposta di Mello la potete già leggere sul mio comunicato che trovate di seguito. Quello che stupisce sempre oggi su La Stampa è il gran risalto dato all'iniziativa "anti furbetti" che il Comune ha deciso di intraprendere (con l'aiuto della Guardia di Finanza) per combattere gli elusori fiscali che fruiscono, senza averne diritto, delle tariffazioni agevolate per i servizi a domanda individuale.

Questa proposta già illustrata da Mello nei mesi scorsi in Commissione Finanze non potrà però di certo sopperire ai tagli che le due finanziarie di giugno e agosto infliggeranno al nostro comune. Sono certo che queste verifiche non produrranno più di qualche decina di migliaia di euro a fronte dei milioni di tagli decisi dal Governo Berlusconi.