equità vo' cercando

Questo è l'articolo di ieri uscito su "Eco" in merito ai rincari delle tariffe per i servizi a domanda individuale. Ho provato a fare un po' di conti in tasca all'Amministrazione soprattutto rispetto alla tanto annunciata "lotta contro i furbetti". Oltre che gli articoli di "Eco" di seguito potete trovare anche il comunicato stampa.

 

COMUNICATO STAMPA

Le fantasiose dichiarazioni dell’Assessore Gabriele Mello Rella per giustificare gli aumenti a colpi di “machete e kalashnikov” sulle famiglie biellesi hanno dell’incredibile.

Mello, con sprezzo del ridicolo, è riuscito a sostenere che questi aumenti sono nel segno dell’ “equità”. Un triplo salto carpiato che troverebbe, secondo Mello, fondamento nel fatto che gli aumenti sarebbero caricati sugli utenti collocati in fascia massima. Innanzi tutto, come abbiamo ripetutamente scritto in queste settimane, gli aumenti colpiranno anche gli utenti in fascia minima che si vedranno aumentato il costo unitario per pasto (da 0,87 a un euro) ma, ciò che sconvolge nel ragionamento di Mello, è il riferimento alla fascia massima per mense, scuolabus e rette dei nidi comunali.

Forse il commercialista Mello non è abituato a compilare dichiarazioni dei redditi sotto le sei cifre ma, lo invito pubblicamente a dimostrare che chi ha una dichiarazione Isee sopra i 20.000 € è paragonabile a chi ne ha una da 999,999 € annui come prevede la divisione per fasce. Mello fa finta di non sapere che il grosso dell’utenza che è in fascia massima è la famiglia media dove entrambi i genitori sono lavoratori dipendenti e magari possessori di prima casa. Se equità si fosse voluta perseguire in questi tre anni di legislatura si sarebbe messo mano alla rimodulazione delle fasce Isee come richiesto con ben due mozioni dall’opposizione e segnatamente dal collega Faraci. Purtroppo nulla, anzi l’ironia di chi non fatica certo a sbarcare il lunario, si arricchisce di una fantasmagorica “lotta ai furbetti”.

Mello ha dichiarato che: “da quando abbiamo annunciato           controlli (quando? ndasulla presentazione delle dichiarazioni Isee, abbiamo avuto un calo di presentazioni che va oltre il 50 per cento, con relativa iscrizione di questi utenti nella fascia massima”. Ora se i numeri hanno un senso i dati forniti dall’Assessorato alla         Pubblica Istruzione parlano al contrario di una diminuzione di utenti in fascia massima per l’anno scolastico 2011-2012. Un calo generale di utenti (le famiglie tengono già adesso a casa i figli per risparmiare)  che però registra che gli utenti in fascia massima nell’anno scolastico 2010-2011 erano 1529 mentre nell’anno in corso sono 1181. Non sappiamo bene dove Mello abbia scorto questo aumento del 50% anche perché il calo di utenti è profondamente maggiore nella fascia massima rispetto alle altre 4 fasce di reddito.

E’ stata una boutade? Mello ha dati che l’Assessorato competente non conosce ancora? Sa già quali saranno le domande per il prossimo anno scolastico?

Evidentemente è solo fumo per coprire i colpi di “machete e kalashnikov” che la Giunta Gentile sta infierendo sulle famiglie con figli in età scolare.

Sembra poi una vera e propria vendetta postuma la cancellazione delle riduzioni per le famiglie che hanno due o più figli frequentanti i nidi comunali. Una proposta avanzata dal Gruppo de “La Sinistra” (qui il testo dell’interrogazione del 26 gennaio 2010 http://www.alasinistra.org/?q=node/84)

Una proposta fatta propria dall’Assessore Caldesi che probabilmente vedeva una sorta di “quoziente famigliare” in questo provvedimento, tema caro alla destra ma che purtroppo è stato spazzato via dalla furia “egualitaria” di Mello. Una possibilità comunque sfruttata da poche famiglie 20 famiglie ca. all'anno per uno sconto del 5% e quindi ancora più inutilmente punitiva.

Questo è il quadro dei primi provvedimenti della Giunta Gentile, che dopo i rincari su autobus e parcheggi (un ulteriori non senso perché bisognerebbe favorire i primi e non eguagliarli ai secondi!) sta mettendo pesantemente mano nelle tasche dei cittadini e delle cittadine biellesi.

Se questa è la prospettiva aspettiamoci nuovi colpi di “machete e kalashnikov” da qui ad Aprile quando presumibilmente verrà partorito il Bilancio comunale.

 

roberto pietrobon

Capogruppo de “La Sinistra”

alla Città di Biella

 

Biella, 3 febbraio 2012

Commenti

Invia nuovo commento

2 + 2 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.