ma esiste una polizza per tutelarsi dai leghisti?

Abbiamo letto che il Comune di Biella dopo tre mesi dall’invio, denuncia uno strano caso di lettere scomparse in merito alla tanto propagandata “polizza per i cittadini”.

Dopo uno sterile e inutile battibecco sulla paternità di questo provvedimento tra ex assessori e il consigliere leghista Silvano Rey, per settimane questa iniziativa è stata ciclicamente presente su tutti gli organi d’informazione locale. Come dire: se non ci hanno pensato le Poste (e questo è ancora tutto da verificare)  ci hanno pensato i giornali locali. Di fatto chi voleva, poteva sapere.

Il problema o meglio il nodo politico però è evidente ai più: dopo tre mesi e la chiusura dei termini per l’iscrizione alla polizza solo sei persone (dicasi sei!) hanno aderito all’iniziativa.

Capiamo lo sconcerto e il disappunto del Presidente in camicia verde Silvano Rey rispetto alla sua proposta, ma evidentemente ha forato una gomma o meglio ha sbagliato obiettivo.

Siamo pronti a scommettere e anzi lanciamo la sfida alla maggioranza PDL-Lega di provare ad istituire una polizza non per una generica “sicurezza” ma per una più concreta “sicurezza sociale”. Tutti i lavoratori dipendenti potrebbero iscriversi e se dovessero perdere il lavoro o questo non gli venisse confermato (in considerazione della continua precarizzazione del mercato del lavoro) l’Assicurazione su garanzia del Comune, provvederebbe a elargire un congruo premio in denaro.

Siamo convinti che il numero sei sarebbe seguito da diversi zeri. Siamo pronti a scommetterci e a scommettere che anche questa proposta (come molte altre) in campo sociale cadrà miseramente nel vuoto!

 

roberto pietrobon

Capogruppo de “La Sinistra”

alla Città di Biella

 

Biella, 13/01/2010

 

Commenti

Invia nuovo commento

3 + 9 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.