il senso dei grillini per la neve

Paese che vai grillini che trovi.

Sembrerebbe questo il senso delle ultime notizie che registriamo in questi giorni sui rotocalchi nazionali.

Mentre i “grillini” di governo vietano dopo le 21 la vendita di alcolici da “asporto”, i “grillini”, o meglio una consigliera grillina, all' opposizione in una Municipalità genovese, pare vendesse – ben oltre le 21 – non solo alcolici ma anche MDMA, LSD, Ecstasy, Hashish, Eroina, Cocaina e Marijuana.

Un drag store in piena regola: “vorrei una limonata, ma molto acida” pare fosse la comanda per l’lsd mentre per l’ero ci si limitava a dire: “un caffè con un bustina di quella bianca”. Scontata l’ordinazione per i cannabinoidi…

Certo, mi direte, mica si possono controllare tutti quelli che si candidano e che, nel caso, si eleggono.

Eppoi uno potrebbe pensare che il Drag Store, proprio a Genova, fosse un esperimento per una nuova, “rivoluzionaria”, proposta del comico della città della lanterna: dopo Sgarbi che vuole riaprire le case chiuse, Beppe vuole i drag store, altro che Giacinto Panella detto Marco!

Quello che colpisce è come la notizia sia stata diffusa dall’houseorgan del 5 stelle, il sito del Beppe. Un “postino” con poche e scarne righe. Una roba da “influenza sovietica”: il compagno Bottanev si è dovuto dimettere da tutti gli incarichi a Casaleggiograd per sopraggiunti e irrisolvibili problemi di salute. La dirigenza del popolo nel ringraziare il compagno dirigente provvederà nei prossimi giorni ad espletare tutte le pratiche del caso.

I nostri invece nel ricordare che la barista consigliera aveva la fedina penale “immacolata” (candida, per rimanere in tema) aggiungono che la stessa è “dimissionaria da ogni incarico elettivo”. Dimissionaria? Ha presentato le dimissioni o loro la vogliono “dimissionare”? Perché nella seconda ipotesi esisterebbe la Costituzione che stabilisce che gli eletti non hanno vincolo di mandato. Ma tant’è…La cosa più divertente è però il video a corredo del “postino”. Si vede il consigliere comunale del M5S genovese Andrea Boccaccio, nella cucina di casa sua, che parla delle prime settimane da consigliere in Sala Rossa e fa una supercazzola di otto minuti sui gettoni di presenza che a destra e a sinistra i “partitocratici” non si sono voluti tagliare.

E sì a destra e a sinistra siamo proprio attaccati ai soldi, per fortuna che a Genova c’è qualcuno che si occupa di sostanz@!

Commenti

Invia nuovo commento

9 + 3 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.