Inceneritore a Vercelli, chi "ciurla nel manico"?

Leggiamo, non senza stupore, la risposta al question time della capogruppo regionale di SEL, Monica Cerutti, dell’Assessore Regionale all’Ambiente Roberto Ravello.

L’ex esponente aennino infatti ha dichiarato candidamente che non esiste nessuna ipotesi concreta che la Città di Vercelli sia la candidata predestinata ad ospitare l’impianto di incenerimento per i rifiuti del cosiddetto quadrante del Piemonte orientale.

Bastano le parole di Ravello per rassicurare i vercellesi e soprattutto le popolazioni del biellese, del novarese, del verbano e del vercellese che il centro destra piemontese non ha nelle sue intenzioni di costruire o bonificare gli attuali impianti?

Evidentemente no, si tengono le carte coperte a volte, come nel caso del tanto citato protocollo d’intesa tra le quattro province, lo si enuncia addirittura nelle delibere ma, nel concreto, nessuno l’ha visto e nessuno sa se veramente esiste.

La sparata a mezzo stampa dell’Assessore provinciale Governato quindi che scopo avevano? Gettare nel panico i vercellesi? Mandare un messaggio al suo partito o alla parte vercellese dello stesso? Candidarsi a gestire il futuro ATO che nascerà con la nuova legge regionale sulle autorità d’ambito? Non lo sappiamo visto che da una settimana Governato non ha più proferito parola.

Le uniche parole che leggiamo sono quelle dei pompieri collocati in ogni latitudine e longitudine del centro destra piemontese che dimostrano, una volta di più, la pochezza e la totale approssimazione nella gestione di una partita così complessa (e dall’enorme interesse economico) come quella della chiusura del ciclo dei rifiuti.

Siamo felici inoltre di leggere le Cassandre che subito si sono affrettate a commentare le parole di Ravello ma che in questi giorni si erano ben guardate dal prendere posizione o dal favorire iniziative istituzionali simili a quelle del mio partito, Sinistra Ecologia e Libertà. Ne siamo ovviamente felici perché più ampio sarà il fronte contro ogni ipotesi di inceneritore a Vercelli come altrove, più sarà possibile individuare fin da subito la miglior politica di smaltimento dei rifiuti per le nostre province e per il nostro territorio. Non vorremmo, invece, doverci ritrovare tra un paio d’anni o forse meno, ad affrontare e ricominciare una discussione che per noi è già abbondantemente superata.

Stamperemo e conserveremo gli articoli e le prese di posizione di questi giorni affinché nessuno possa accusare il centro sinistra di doppiezza: quando è all’opposizione dice una cosa e quando è al Governo fa l’esatto contrario.

Non è più il tempo delle doppie verità: è il tempo della chiarezza, quella che il centro destra ha dimostrato plasticamente di non sapere nemmeno cosa significhi e quella che il centro sinistra dovrebbe cominciare ad adottare per poter essere veramente credibile, su questo come su tutto il resto.

Commenti

Invia nuovo commento

16 + 0 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.