la mitragliata... con il silenziatore

il nostro comunicato che trovate di seguito sembra rispondere direttamente a quanto afferma nell'articolo odierno, il "tremontiano" Mello Rella. Tutti i provvedimenti adottati erano già stati ampiamente annunciati nei mesi scorsi solo che, a differenza di dicembre, anche Mello ha capito (fortuna sua!) che la comunicazione è importante e quindi è passato da un Bilancio fatto a colpi di "machete e kalashnikov" a un ben più prosaico "non abbiamo massacrato i cittadini" e a corredo dell'articolo la redazione de "il Biellese" ha trovato l'unica foto in archivio nella quale il potente Assessore riesci pure a sorridere in maniera non beffarda, come un Prodi d'altri tempi....

Purtroppo la faccia gaudente non può celare la realta: ha ragione Mello non tutti saranno colpiti da questo Bilancio, ma questo non è un merito visto che a pagare saranno le famiglie con figli, ma evidentemente per lui non è un problema...

COMUNICATO STAMPA

Pare che a Palazzo Pella e, segnatamente nell'ufficio dell'Assessore Mello Rella, il "tremontismo" non sia mai tramontato.
Mello, come il suo collega commercialista lombardo, ha così a cuore i luoghi istituzionali che non solo presenta "ufficiosamente" il Bilancio sulla stampa prima di presentarlo ai capigruppo come programmato mercoledì prossimo ma, addirittura, lo fa prima che la Giunta lo licenzi.

Purtroppo nulla di nuovo, per chi ha una visione proprietaria delle istituzioni.

Stupisce invece che come il suo sodale Tremonti, Mello provi a cimentarsi in un triplo salto carpiato sostenendo che questo provvedimento è nel "segno dell'equità".

I pesantissimi tagli imposti dal Governo "tecnico" sostenuto dalla triade A B C però avrebbero permesso almeno tre strade differenti per scongiurare la bancarotta dell'ente: quella di distribuire in maniera realmente equa il costo sociale dei tagli, quella di tagliare un po' di investimenti e di spese per opere pubbliche e quella - adottata dall'Assessore podestà (della borsa) - di caricare sulle famiglie che fruiscono dei servizi comunali i costi sociali della crisi.

Mentre probabilmente ci saranno pensionati e single che gioiranno per il 0,37% di Imu sulla prima casa, chi ha una famiglia con figli in età scolare si vedrà il bilancio famigliare gravato di 500-600 € in più all'anno.

Una scelta, questa, che colpisce chi decide di investire sul futuro, facendo figli e scommettendo nel sistema scolastico a partire dall'Asilo nido.

I tagli sarebbero potuti essere spalmati aumentando dello 0,05 l'Irpef o molto più semplicemente riducendo alcune opere pubbliche che, in un periodo di crisi, non solo sono inutili, ma pure dannose come l'operazione sugli ex Rivetti, un vero e  proprio "salto nel buio" che ci costerà oltre tre milioni di euro!

Abbiamo già visto come le priorità di questa amministrazione sulle opere pubbliche si siano trasformate in un vero e proprio sperpero di danaro pubblico.

Merita ricordare che solo l'anno scorso il rifacimento della pista d'atletica è costato 400 mila euro e che oggi, come abbiamo suggerito noi fin dall'inizio, il Comune ha deciso di aprire un contenzioso legale con la ditta appaltatrice perché la pista è inagibile. Senza dimenticarsi il pavè del Chiostro o le aquile mussoliniane dello Stadio: altre spese inutili per centinaia di migliaia di euro!

Come Tremonti si salvano le lobby del cemento ma si massacra la famiglia media.

Il Gruppo consiliare de "La Sinistra" continuerà a chiedere il ritiro degli aumenti sui servizi a domanda individuale e rivolge un appello pubblico al resto dell'opposizione oltre che a tutti i consiglieri, anche di maggioranza, affinché si riesca a mettere in campo, fuori e dentro l'aula di Palazzo Oropa tutte le iniziative utili a non far pagare la crisi e i tagli alle famiglie biellesi!

Commenti

Opzioni visualizzazione commenti

Seleziona il tuo modo preferito per visualizzare i commenti e premi "Salva impostazioni" per attivare i cambiamenti.

fsfBTrNjzHif

Invia nuovo commento

1 + 0 =
Solve this simple math problem and enter the result. E.g. for 1+3, enter 4.