il "tesoretto" di Cordar e le nostre tasche

Quindi, in un territorio dove non ci sono più soldi per riparare le strade, per riscaldare le scuole, per tenere aperta la Funivia scopriamo, quasi per caso, che la più grossa società pubblica, Cordar spa, che gestisce il bene comune più prezioso, l’acqua, avrebbe un tesoretto di un milioncino di euro di avanzo dal proprio bilancio.

Un milioncino che, in buona parte, deriva dalle bollette che noi biellesi abbiamo versato e che qualcuno, pare, abbia sbagliato a farci pagare così tanto.

Ciao Alberto, che la terra ti sia lieve

Sono giorni tristi, per la nostra comunità e per l’Italia che affoga nell’incuria e nel dolore soffocato dal cemento degli speculatori e dei politici “distratti”.

Giorni dolorosi anche perché si confrontano con la morte che ha colpito giovani vite, come quella di Elisa e di tanti altri e altre.

Sembra quasi ci siano momenti nei quali non si fa in tempo ad asciugare le lacrime che subito tornano il dolore e lo sconforto. Quel dolore e quello sconforto che hanno accolto domenica la (ormai) piccola comunità politica della sinistra biellese per la morte di una delle sue persone migliori: Alberto Fappani.

Un male incurabile lo ha portato via all’affetto della sua famiglia e ai tanti e tante che gli hanno voluto bene. Perché ad Alberto non si poteva non voler bene.

la democrazia a Palazzo Oropa

Lo so, parlare delle istituzioni e soprattutto del loro funzionamento è tema noioso oltre l’inverosimile e suscita l’interesse di pochissimi “addetti ai lavori”. Eppure, da come funziona il Parlamento, un Consiglio Regionale o uno Comunale dipendono molte delle considerazioni (negative) che l’opinione pubblica ha sviluppato in merito alla classe politica. Quanti di voi si sono incazzati nel sapere i costi (assolutamente irrisori) di un pranzo a Palazzo Madama a beneficio dei Senatori della Repubblica o di quanto costi dal “barbiere della Camera” farsi fare un taglio di capelli? Oppure sapere che gli “eletti” nei Consigli Regionali disponevano di soldi pubblici senza un reale controllo fino a comprarsi mutande e quant’altro?

Piazza, bella piazza

Tante e tanti. Davvero. L’emozione che ho provato, entrando in Piazza della Repubblica, è stata enorme. Roma, bella e splendente di un sole caldo, ha accolto e riscaldato un milione di uomini e donne scesi in piazza sabato scorso per la manifestazione della CGIL. Ho riabbracciato amici e compagni di una vita, da quello che oggi, da sinistra, prova in Parlamento a fermare le manovre di Renzi a quello che fa il giornalista free lance, a salario da fame, in un importante quotidiano nazionale.

i "mitici" anni '90

scusate, non mi sono proprio riuscito a tratterene dopo aver visto questo

Vengo anch'io, no tu no!

Lo so, lo so, da un po' di tempo parlo sempre dei Vigili Urbani e per chi come me si conosce e si divertiva a ballare con me al Babylonia i "Super eroi contro la municipale" dei Meganoidi può sembrare oltre che strano, anche un tantino eccessivo.

Basta circhi con animali a Biella

Nonostante le proteste delle associazioni animaliste (non ultimo il banchetto della Leal sabato scorso in centro a Biella) anche quest'anno Biella ospiterà l'ennesima esibizione circense con animali e nello specifico con l'utilizzo di animali esotici.

Una pallottola spuntata 21emezzo

Il titolo di questo post è oltre che un omaggio a un grande attore comico americano, Leslie Nielsen scomparso domenica, anche la cifra della politica biellese di questi tempi.

le mani sulla città #2

Un sensibile democratico

Questo è il simpatico messaggio che ieri pomeriggio il consigliere comunale e staffista del Presidente della Provincia, Giacomo Moscarola ha pubblicato su Facebook.

Fava texas ranger

La vicenda che sta tenendo banco da quasi una settimana sui giornali locali dopo l'arresto di Massimiliano Clerico per calunnia aggravata ha ancora troppi aspetti oscuri per poter trarre delle conclusioni.

Fatti nostri

Vieni via con me

Questa è una di quelle notizie da maneggiare con cura: primo perchè ad oggi è un rumors di palazzo secondo perchè, conoscendo la suscettibilità del protagonista, la reazione potrebbe essere deflagrante.

Fame di diritti