funicolare: facciamo chiarezza!

In questi giorni, in città c’è un gran parlare del possibile pensionamento del più rappresentativo simbolo di Biella: la Funicolare. A quanto pare, infatti, la Giunta Cavicchioli avrebbe commissionato all’Ing. Petrella - tecnico che lavora con la società pubblica di trasporti ATAP - uno studio per lo sostituzione della nostra “Funi” con un più moderno ascensore inclinato.

Pare che il professionista, chiamato mercoledì scorso in Commissione Trasporti per relazionare sul blocco della funicolare e sui lavori di manutenzione in corso, sarebbe finito ad illustrare il progetto “definitivo” di ascensore inclinato, pensato per rimpiazzare l’attuale sistema.

maialini e necrologi

Verrebbe voglia di scrivere di tante cose, dallo striscione appeso fuori dal Belletti Bona che - senza bisogno di altri commenti - recitava “la nostra Via Crucis, al lavoro senza paga” : i dipendenti della casa di riposo cittadina, hanno chiesto (e ottenuto)  solidarietà dal Vescovo, visto che, tra lo scaricabarile di certi sindacalisti e il silenzio imbarazzato della politica, non sanno più, veramente, a che Santo votarsi.

Oppure, ci sarebbe la tentazione di commentare l’ennesimo caso di povertà manifesta dell’ anziana che si è ingegnata per rubare qualche spicciolo dai carrelli della spesa, caso trasformato in uno degli scoop principale di questo ponte pasquale da un’informazione locale senza, evidentemente, altre notizie.

gli speculatori della paura

Ieri, finalmente, hanno (per ora solo formalmente) chiuso gli OPG, gli Ospedali Psichiatrici  Giudiziari dove dall'Ottocento venivano rinchiusi i malati psichiatrici che a causa della loro  patologia avevano commesso una qualche forma di reato.

Queste strutture sopravvissute alla  legge 180, che permise una delle più importanti rivoluzioni del secolo scorso con la chiusura dei  manicomi, erano, secondo il padre della legge 180 Franco Basaglia, “vere e proprie fosse dei  serpenti con persone legate ai letti e rinchiuse in isolamento per mesi, (…) il reo non viene inviato in carcere perché non può comprendere ciò che significa pena e rieducazione; viene allora inviato in manicomio giudiziario, dove espia in realtà una pena che capisce ancora meno”.

c'è posta per Biella

Come residente del Piazzo ho firmato, convintamente, la petizione per scongiurare la chiusura del nostro ufficio postale.  Così come hanno fatto le centinaia di altri residenti del biellese e di tutta Italia che si sono mobilitati contro la chiusura degli sportelli “periferici”.

Lo so, a fronte dell’esiguità dei servizi che attualmente si svolgono presso le Poste, i famosi (e troppo spesso famigerati) criteri di economicità vanno a farsi benedire.

le idi di Marzo

La figuraccia cui il PD è andato incontro a Biella, su un tema così sensibile e importante come il registro delle unioni civili, pare stia producendo molti più sconquassi di quello che si potesse immaginare.
Il partito di Renzi qui a Biella probabilmente avrebbe dovuto prendere ripetizioni da quello nazionale, per evitare la figuraccia di fronte alla valanga ostruzionista messa in pratica dalla destra locale.
Una strategia, quella del “fratello d'Italia” Delmastro, che è riuscita a coinvolgere anche i “moderati” di Forza Italia e di Buongiorno Biella.

Apicellik o Groucho Marx?

l'atomo italico

Le notizie e le immagini devastanti che stanno arrivando in queste ore dal Giappone dopo l'immane tragedia che ha colpito lo stato asiatico con migliaia di morti lasciano tutti sgomenti. Non possiamo, come essere umani prima ancora che come europei, agurarci che i nostri stati facciamo tutto quello che è nelle loro possibilità per aiutare uno stato in ginocchio.

12 marzo anche a Biella in piazza per la scuola e la Costituzione

Questo è il volantino che promuove il presidio di sabato 12 marzo in difesa della scuola pubblica promosso a livello nazionale da una moltitudine di sigle e appelli e che a Biella ha visto il Comitato di agitazione della Scuola Biellese come promotore e cuore dell'iniziativa.

do you remember le barriere architettoniche?

Torno nuovamente su un argomento affatto marginale come le barriere architettoniche ancora troppo presenti nella nostra città. Ovviamente questo non è un tema di parte, ma evidentemente per risolverlo (o perlomeno provare a ridurlo) ci vuole la volontà politica oltre che le risorse.

mani alzate

il diritto alla pernacchia

Sabato c'è stata la contestazione dei tre sindacati Confederali di Biella durante il tour  nella nostra provincia del Presidente della Regione, il leghista Roberto Cota.

chi comanda qui?

Ho aspettato un paio di giorni dall'uscita di questa "illuminante" intervista (su "Eco di Biella" a firma Paolo La Bua) a messere Carmelo Jacopino sperando che vi fosse un moto di indignazione, un sussulto, una presa di posizione. A parte il "vippometro" di oggi su "La Nuova Provincia" si è registrato il nulla su tutta la linea.

i conti senza l'oste

Ho aspettato una settimana prima di commentare quella che mi era sembrata fin dall'inizio una proposta folle ovvero ri-trasferire il mercato cittadino in centro con tutti i problemi alla viabilità, alla vivibilità e all'urbanistica che questo potrebbe creare. 

Tranquilli è solo propaganda!