Filoni, un Sindaco con la schiena dritta

L’antefatto: nelle settimane scorse il Ministero dell’Ambiente ha dato parere favorevole alla costruzione della diga in Valsessera. Subito i senatori che sostengono il governo che ha dato quel parere, Susta e Favero, hanno preso posizione. A ruota altri politici insieme all’associazione “Custodiamo La Valsessera” si sono scagliate contro la decisione romana.

la politica biellese al bromuro

In una situazione economica, come quella attuale che colpisce il nostro territorio ma, più in generale l'Italia e l'Europa, la politica diventa una voce lontana, soprattutto se incapace, come adesso, a dare risposte efficaci. La crisi, con quello che ne consegue in termini di impoverimento e disagio sociale evidenzia, in maniera plastica le carenze, oramai strutturali, nelle quali versa la proposta politica e, di conseguenza, le idee che riesce a mettere in campo.

contro l'odio razziale e chi lo istiga

Abbiamo letto, con sconcerto e profonda indignazione, il commento su Facebook del Sindaco di Selve Marcone, esponente di Fratelli d'Italia che, in merito a un riutilizzo del vecchio nosocomio cittadino di Biella come possibile centro di accoglienza per rifugiati richiedenti asilo ha dichiarato: "propongo i clandestini nell'inceneritore".

Il suddetto esponente di destra ha successivamente dichiarato che la sua era una provocazione ma che, non si pentiva di quanto scritto.

il vecchio Ospedale e la"proposta Faraci"

Visto l’assordante silenzio che ha accolto le sollecitazioni che, da queste colonne, ha fatto Giuliano Ramella sul futuro del vecchio Ospedale, provo ad avanzare, timidamente, alcune riflessioni. La  classe politica che governa questo territorio appare totalmente inadeguata (e non da oggi) ad affrontare le criticità e le sofferenze che attanagliano il biellese. Le proposte che vengono avanzate servono, in molti casi, solamente ai diversi protagonisti per avere quella mezz’ora di gloria che un post su internet o sui social network può generare. Invece, la scorsa settimana, proprio sul futuro del vecchio nosocomio di Via Caraccio, c’è stata un’ipotesi di riutilizzo che andrebbe, a mio avviso, approfondita e portata avanti e che, guarda caso, i suddetti politici si sono ben guardati dal farla “rimbalzare”.

il "tesoretto" di Cordar e le nostre tasche

Quindi, in un territorio dove non ci sono più soldi per riparare le strade, per riscaldare le scuole, per tenere aperta la Funivia scopriamo, quasi per caso, che la più grossa società pubblica, Cordar spa, che gestisce il bene comune più prezioso, l’acqua, avrebbe un tesoretto di un milioncino di euro di avanzo dal proprio bilancio.

Un milioncino che, in buona parte, deriva dalle bollette che noi biellesi abbiamo versato e che qualcuno, pare, abbia sbagliato a farci pagare così tanto.

Candide ammissioni

Apicellik o Groucho Marx?

l'atomo italico

Le notizie e le immagini devastanti che stanno arrivando in queste ore dal Giappone dopo l'immane tragedia che ha colpito lo stato asiatico con migliaia di morti lasciano tutti sgomenti. Non possiamo, come essere umani prima ancora che come europei, agurarci che i nostri stati facciamo tutto quello che è nelle loro possibilità per aiutare uno stato in ginocchio.

12 marzo anche a Biella in piazza per la scuola e la Costituzione

Questo è il volantino che promuove il presidio di sabato 12 marzo in difesa della scuola pubblica promosso a livello nazionale da una moltitudine di sigle e appelli e che a Biella ha visto il Comitato di agitazione della Scuola Biellese come promotore e cuore dell'iniziativa.

do you remember le barriere architettoniche?

Torno nuovamente su un argomento affatto marginale come le barriere architettoniche ancora troppo presenti nella nostra città. Ovviamente questo non è un tema di parte, ma evidentemente per risolverlo (o perlomeno provare a ridurlo) ci vuole la volontà politica oltre che le risorse.

mani alzate

il diritto alla pernacchia

Sabato c'è stata la contestazione dei tre sindacati Confederali di Biella durante il tour  nella nostra provincia del Presidente della Regione, il leghista Roberto Cota.

chi comanda qui?

Ho aspettato un paio di giorni dall'uscita di questa "illuminante" intervista (su "Eco di Biella" a firma Paolo La Bua) a messere Carmelo Jacopino sperando che vi fosse un moto di indignazione, un sussulto, una presa di posizione. A parte il "vippometro" di oggi su "La Nuova Provincia" si è registrato il nulla su tutta la linea.

i conti senza l'oste

Ho aspettato una settimana prima di commentare quella che mi era sembrata fin dall'inizio una proposta folle ovvero ri-trasferire il mercato cittadino in centro con tutti i problemi alla viabilità, alla vivibilità e all'urbanistica che questo potrebbe creare.