Apicella Assessore e le “cambiali” di Cavicchioli

Ci sono storie che meritano di essere raccontate: giugno 2014, Biella, elezioni per il nuovo Sindaco della Città. Il 25 maggio, contro tutti i pronostici, il candidato di centro sinistra, Marco Cavicchioli, superava di qualche punto il super favorito Dino Gentile, costringendolo al ballottaggio. Mentre a sinistra le urla di giubilo si udirono fino al Mucrone a destra lo schiaffo fece molto male.

Gentile però non si diede per vinto e, nonostante il vento nel paese indicasse allora “PD” (è il famoso 41% di Renzi!), il Sindaco uscente cercò di fare di tutto per rimanere a Palazzo Oropa.

Biella può vincere la battaglia contro la ludopatia!

Ci sono notizie che meritano di essere “festeggiate”. Chi scrive ritiene il gioco d’azzardo (macchinette, slot e altre diavolerie mangia soldi) uno dei nuovi tumori che devastano la nostra società.

Per questo ho salutato con piacere la sentenza del Tribunale Amministrativo del Piemonte che ha confermato la validità del divieto di apertura di una nuova sala VLT in centro a Biella, decretandone la prematura chiusura.

Questo provvedimento nasce grazie a una chiara volontà dell’Amministrazione guidata da Marco Cavicchioli che fin dalla campagna elettorale aveva posto come punto qualificante del proprio programma la lotta al gioco d’azzardo e alle patologie ad esso collegate come la “ludopatia”.

Caro Ronda, basta con le panzane!

Lo spirito (e la forza) di questo giornale è quello di aver ospitato, nella sua pluridecennale vita, le opinioni di tutti: bianchi, neri, rossi, arcobaleno, trasparenti, sporchi, belli, brutti e a volte anche “cattivi”. Per questo non mi sono affatto stupito nel leggere le nuove invettive dell’artista Omar Ronda contro il Sindaco Cavicchioli. Avevo condiviso, per esempio, le sue forti critiche alla nuova veste di Piazza Duomo anche se non ho mai apprezzato il suo modo di argomentare, spesse volte sopra le righe.

A Vercelli il PD perde la Provincia per colpa di... Biella!

I nostri “cugini” vercellesi, in politica, hanno sempre avuto una marcia in più. Mentre qui ci si preoccupava dei “danè” nella terra delle risaie i “palazzi” hanno sempre determinato moltissimo dei destini di quel territorio. Sia nella Prima che nella Seconda Repubblica.

A Biella eleggevamo alla Camera o al Senato meteore e catapultati, oltre Carisio si esprimevano Sottosegretari e Vice Ministri e anche personaggi pittoreschi ma famosissimi come Gianluca Buonanno.

"Mondonauta", un viaggio dentro di noi

 

 

“Leggere è come guardarsi allo specchio. Un buon libro riesce a farci dimenticare che è il nostro io, con tutto il malloppo di realtà che si porta dietro, a leggerlo”.  Questa frase potrebbe comparire tra le nostre pagine dei social come citazione di autori famosi oppure rubata e fatta nostra  dopo averla scovata nei meandri del web per farci sembrare molto “fighi”.

Per leggerla, in originale, dovrete però comperare “Mondonauta”, l’ultimo libro di Darinka Montico che, dopo “WalkaboutItalia” dell’anno scorso (qui la mia recensione http://www.alasinistra.org/?q=node/1416), torna a raccontarci le sue avventure in giro per il mondo.  

E' morto il "difensore degli ultimi"

E’ morto Don Piero Gibello. Il parroco del Villaggio Lamarmora, il “prete di strada” che ha saputo molto più delle istituzioni e di chiunque altro trasformare un quartiere difficile, di periferia, di emigrazione e di disagio in un luogo accogliente, inclusivo e solidale.

Giunta nuova, anzi vecchia, anzi peggio

Torna alasinistra e torna dopo una settimana nella quale il sito ha avuto qualche problema cancellando tutti i post degli ultimi 15 giorni.

Oggi li ho ricaricati praticamente tutti ma ho perso i vostri commenti e mi spiace molto, soprattutto per i dibattiti che ne erano nati.

Lo squalo e Sparta

I fatti di oggi sono questi: a metà mattinata Pier Giorgio Fava ha convocato i giornalisti (o meglio una parte di essi) all’Hotel Astoria.

Nella conferenza stampa ha fatto una proposta davvero convincente, almeno per chi da tre settimane cerca di uscire dalle paludi nelle quali si è infilato.

l'uomo venuto da Gifflenga

Wow!

A pagina 7 de "La Stampa" torna in splendida forma il Senatore Pichetto.

Si parla anche delle miserie della nostra Giunta locale e, se fossi nell'ex pupillo dello "sgobbone", oggi mi sarei sotterrato dalla vergogna.

Il quadretto che ne esce è la fotografia desolante di quello che è il malgoverno delle destre a Roma come in periferia. Il prode senatore biellese che è relatore di una delle peggiori finanziarie degli ultimi 20 anni elevato ad eroe patrio, più per la sua scalata nei palazzi romani piuttosto che per il merito per il quale sta sgobbando.

Nella valle di Ellas

 

Una volta (quando l’economia girava) c’erano i ricchi industriali che, un po’ per gioco e un po’ per amore, si esercitavano nell’antica arte della filantropia.

l'unica soluzione possibile

Quella di seguito è la mia risposta all'editoriale del Direttore de "il Biellese" di venerdì scorso.

Egregio Direttore,

l'amico di Jacopino

La maggioranza che governa la Regione Piemonte è stata colpita in queste settimane da scandali, arresti e sentenze. Prima quello sulla sanità con l'arresto dell'Assessore alla Sanità Caterina Ferrero e poi la sentenza di condanna per le firme false del "pensionato" Giovine che di fatto annullerebbero la vittoria dell'anno scorso.

Cota però tira dritto, esattamente come fa Gentile a Biella, non riesce a nominare il nuovo Assessore per i veti incrociati delle tribù della sua coalizione ma lui imperterrito nega anche l'evidenza.

Di seguito il Comunicato che abbiamo fatto io e la capogruppo di SEL in Regione Piemonte, Monica Cerutti in merito alla commissione ambiente dove gli amici di Jacopino hanno provato a far passare il consorzio bonifica della Baraggia per ente terzo...

Botta e risposta

Sito hackerato

http://www.alasinistra.org/sites/default/files/images/Seab_0.preview.JPG