interessi in conflitto

Giusto un mese fa su alasinistra.org - prima di trasferirmi su queste colonne – scrivevo, commentando la nuova Giunta Cavicchioli : “ (…) nel paese con il più alto tasso di conflitti d’interesse dell’occidente, doversi occupare di lavori pubblici, avendo una professione che si interseca con questa delega, può costituire - in primo luogo per l’Assessore Varnero - un problema”.

L’interrogazione leghista in merito all’affidamento professionale all’Architetto Varnero del PEC di Via Rosselli, che, tra parentesi, aumenterà nuovamente i mostri di cemento armato adibiti a supermarket in città, pone al Sindaco Cavicchioli, ed alla sua maggioranza, una gigantesca questione.

se una notte d'estate un sognatore...

Questa pazza estate biellese riserva sempre sorprese e, così, la notte scorsa - complice una straordinaria luna piena - ho fatto un sogno (forse) premonitore. In questo viaggio onirico l’ex Sindaco di Biella, Donato Gentile, tornava alla origini e aderiva al Partito Democratico.

Chi ha avuto modo di parlargli in campagna elettorale ricorderà che il buon Dino – magari consapevole dello tsunami Renzi che si stava abbattendo anche nelle urne biellesi – andava ripetendo che lui era più renziano di Cavicchioli.

"Caro Nicola" - lettera aperta a Nicola Fratoianni

Caro Nicola,

ti scrivo questa lettera “pubblica” non perché non ci siano state e, credo, non ci saranno occasioni di confronto fra di noi ma, perché, credo che – parafrasando il primo slogan di SEL – rischiamo di essere al “finale di partita” e, ogni sforzo utile, deve essere dispiegato fino in fondo.

E' nata la Giunta Cavicchioli: in bocca al lupo ma, attenti ai lupi

La lunga campagna per le elezioni comunali è finalmente finita. Chi scrive ha lavorato in questi mesi con molte e molti altri per sostenere e supportare la candidatura di Marco Cavicchioli a Sindaco di Biella. La necessità  - dopo cinque anni di opposizione serrata – di mandare a casa Donato Gentile si è unita all’entusiasmo che intorno alla figura di Marco è andata via via crescendo fino a produrre un risultato straordinario che ha permesso a Cavicchioli e al centro sinistra di conquistare la nostra città con quasi 20 punti in più della colazione delle destre. Ieri (giovedì) si è conclusa ufficialmente questa prima fase e ora - con la nomina della Giunta - comincia il lavoro per cambiare Biella.

i grillini rosso-bruni

  

"Embè" mi risponderà il primo grillino "tutti anche i fascisti e i comunisti hanno capito che solo con noi..."

"Visto? anche i vostri vi abbandonano" - "rivoluzionari? rivoluzionari? noi siamo l'unica rivoluzione" dirà il secondo.

"fascisti? comunisti? sono ideologie del passato...siete circondati, arrendetevi" mi dirà il terzo.

"Beh meglio le Carc di Gargamella-Bersani" commenterà il quarto.

"Visto? l'hanno capito tutti, siamo il 99%!" confonderà l'ultimo.

Pallacanestro Biella: l'ennesima misera partita elettorale

Questo è il pezzo di Eco di oggi che da conto del nostro comunicato che potete leggere di seguito e di quello di Pallacanestro Biella dopo le dichiarazioni di Pella. Come avevo anticipato ieri nel precedente post questa è davvero una brutta partita, dove si alimenta una malsana guerra tra soceità sportive e si "accarezza" l'elettorato promettendo e poi smentendo tutto e il suo contrario...

COMUNICATO STAMPA

che brutta partita...

Questo è l'articolo uscito ieri su "il Biellese" e di seguito trovate due pezzi scritti da Stefano Zavagli, oggi su "La Stampa". Ci sono affermazioni virgolettate dell'Assessore che stanno provocando pesanti reazioni. Le nostre tra queste. Domani, spero, di riuscirne a dare conto più diffusamente perchè il clima civile non vuol dire che tutti siamo disponibili a non verificare le parole dette.

la telefonata (segreta) di Grillo a Sky

In esclusiva la registrazione della telefonata di Grillo a Sky che ha fatto saltare la sua intervista al gruppo di Murdoch.

Gentile e il PDL aumentano (di nuovo) le tariffe!

In questi giorni di campagna elettorale, il Popolo della Libertà e la Lega hanno attaccato sui muri della città manifesti che suonano cosi “-Tasse + Piemonte” oppure il “tratteniamo il 75% delle tasse”. Sarebbe stato interessante che, sabato scorso, alla presenza del Segretario Nazionale del PDL Angelino Alfano, il Sindaco Gentile che gli è stato attaccato come un koala per tutto il tempo della sua visita in Città, gli avesse detto che “no, a Biella i manifesti del PDL non si possono attaccare”.

"One Billion Rising" perchè ci riguarda

Quando, un paio di anni fa, ho letto i “monologhi della mia vagina” di Eve Ensler ho pensato che fosse davvero un libro “rivoluzionario” che non solo le mie coetanee ma, soprattutto che i miei coetanei, avrebbero dovuto leggere. Perchè vedete, il tema del sesso, dell’uso dei nostri corpi è il tema di questo millennio (e anche di quelli precedenti) e la conoscenza, prima del rispetto della sessualità dell’altra/o, è il primo passo perché un evento mondiale come quello che sta andando in scena in queste ore in tutto il mondo, non serva più.

Unificazione dei Consorzi socio-assistenziali: a chi giova e perchè?

La recente audizione presso il Consiglio Comunale di Cossato del Presidente del Cissabo, Stefano Ceffa, chiarisce – senza tema di smentita – quello che a dicembre abbiamo detto, inascoltati nell’aula di Palazzo Oropa.

Ricordo che, in compagnia del solo consigliere Fabrizio Merlo, abbiamo avanzato diverse criticità rispetto alla delibera d’indirizzo che avvia il processo di fusione tra i due consorzi soci-assistenziali del biellese.

A dicembre sia noi che Merlo abbiamo avanzato tre questioni di merito, primo: non c’è nessun piano finanziario che dimostri che l’unificazione dei consorzi porti un risparmio reale anzi, come abbiamo sostenuto a più riprese potrebbe, invece, essere il contrario viste anche le modalità di compartecipazione economica dei singoli comuni ai due diversi consorzi.

il principale portavoce dello schieramento avverso

Eccolo qua, il principale portavoce del principale avversario dello schieramento avverso in quel di Biella, sabato scorso. Dopo aver ritardato l'evento al Sociale di circa un'ora per riempire almeno la platea con un po' di truppe cammellate incanutite, ecco il passaggio finale.

Nelle parole dell'Angelino c'è l'idea, molto chiara, su quale sia la loro idea in tema di diritti civili. Verrebbe da fare le solite domande sull'idea di famiglia della quale sarebbero portavoci loro, ma apriremmo un inutile capitolo sulla "mignottocrazia".

Invece, attribuire lo stesso orientamento di Zapatero e di Hollande in tema di diritti civili alla coalizione dei "democratici e dei progressisti" è proprio quello che vorremmo vedere. E che dovremo con molta forza riuscire a fare.

di civico c'è solo il nome

Eccolo qui, il partito dell’empatia. Doveva chiamarsi “partito dei carini”, ricordate? L’Italia futura di Montezemolo che poi ha fatto un passo di lato per dare posto alla discesa, pardon salita, dell'AgendaMonti alla guida dei "moderati" italiani.

A guardare i candidati biellesi però questo “civismo” proprio non lo si rintraccia.

In questo manifesto vediamo tre volti noti della politica e del sottogoverno locale.

Il plurisindaco e plurionorevole Gianluca Susta, il cavallo di razza della politica biellese, che i radar sotto il Mucrone hanno perso di vista da quando ha trasmigrato in quel di Bruxelles ma che - dice lui – torneranno a segnalarne la presenza quando scenderà a Palazzo Madama.

...ma quale declino?

Quindi la politica non fa schifo. Non è vero che non appassiona, incuriosisce, divide e avvicina le persone. Oggi, nella mia città, Biella, piccolo capoluogo di provincia del profondo nord ovest, in poco più di tre ore circa 2000 persone si sono mosse da casa e sono andate a sentire prima il candidato premier del centro sinistra, Pier Luigi Bersani e poi il leader di Fermare il Declino, Oscar Giannino.

A sentire Bersani c’ero anch’io insieme a circa 1000 persone. La scenografia era un po’ ingessata, per mio conto, un po’ – diciamo così – old style ma non è questo il punto.